Bakunin Giulia Sofia

«« indietro

Giulia Sofia è la secondogenita di Michail Bakunin: alla morte del padre nel 1876 con i fratelli Carlo e Maria (detta anche Marussia, che diventerà una nota chimica) segue a Napoli la madre Antossia che viene accolta con la famiglia dall’avvocato socialista Carlo Gambuzzi, già amico e compagno del rivoluzionario russo. Gambuzzi si rivela padre affettuoso ed attento, e i ragazzi Bakunin crescono in un’atmosfera stimolante e ricevono un’educazione raffinata. Nella città partenopea Giulia Sofia frequenta con i fratelli il Liceo classico Umberto Primo, e si iscrive all’Università, laureandosi in Medicina e chirurgia nel 1893.
Sposatasi con il famoso chirurgo napoletano Giuseppe Caccioppoli (1852-1947), è la madre del celebre matematico Renato Caccioppoli (1904-1959).


Elena Croce, scrittrice e intraprendente fondatrice di «Italia Nostra» e amministratrice della RAI, allorquando si trovò a rammentare nei suoi Ricordi familiari i frequentatori abituali di casa Croce, citava le presenze «tradizionali e caldamente familiari di Sofia e Marussia Bakunin» [Croce, 1979, p.114].

E. Croce, Infanzia dorata e Ricordi Familiari, Firenze, Adelphi, 1979, p.114 

P. Mongillo, Maria Bakunin, una donna nella storia della chimica moderna, in F. Calascibetta e L. Cerruti ( a cura di), Atti del XII Convegno Nazionale di storia e fondamenti della chimica (Firenze, 19-22 settembre 2007), Estratto dal volume 125, Memorie di scienze fisiche e naturali, Rendiconti dell' Accademia nazionale delle scienze detta dei XL, serie V, vol. XXXI, parte II, tomo II, 2007, pp. 639-654


Francesca Patuelli
Cerca
Scriveteci

Avete un nuovo nominativo, una data, un'immagine, una qualsiasi segnalazione per arricchire il nostro sito?

scienzaa2voci@unibo.it

Brand Unibo.it

© Copyright 2004-2010 - ALMA MATER STUDIORUM - Università di Bologna
Via Zamboni, 33 - 40126 Bologna - Partita IVA: 01131710376
Informativa sulla Privacy - Sistema di identità di ateneo